Ricerca dispersi

Il naso del cane è uno strumento meraviglioso. E’ in grado di trovare molecole di odore infinitesimali. E, ancora di più, di seguire una traccia specifica, anche vecchia di ore. O giorni. Tutti i cani, con le differenze proprie della razza e del singolo individuo, possono imparare a cercare un disperso. E, anche se la maggior parte dei binomi cane-proprietario non diventerà unità cinofila brevettate, tutti potranno beneficiare di questa attività!

Ricercare una persona in un bosco, con le orecchia al vento e i sensi all’erta è quanto di più liberatorio puoi proporre al tuo cane: fiutare fra i rovi, immergersi nella natura, accelerare la corsa quando la traccia si avvicina. Emozionarsi. E poi, riuscire! Trovare la persona dispersa, sentirsi importante, guidare il gioco e lasciarsi guidare, quando occorre. La ricerca non solo appaga il cane sotto tanti punti di vista ma, se impostata in maniera corretta, aiuta ad aumentare la complicità fra te e il tuo amico a quattrozampe.

ricerca-in-superficie-mantrailing

E se il tuo cane è più avanti con gli anni? Può comunque provare questa la ricerca persone o magari il mantrailing, adattandoli ai suoi tempi e alle sue possibilità fisiche. Il mantrailing è una disciplina sportiva che si pratica con l’ausilio della giusta attrezzatura: una pettorina adatta al cane e una lunghina (un guinzaglio da ricerca) della giusta misura. Oltre, ovviamente, ad un testimone d’odore preparato con le dovute accortezze, che dica al cane CHI bisogna cercare 😉

Ricerca o mantrailing, comunque, non fa molta differenza: negli anni, infatti, abbiamo imparato che, davvero, la ricerca solletica tutti i palati. O meglio… le narici!

Sei curioso e desideri provare? Contattaci, per un primo incontro conoscitivo.