Tender Loving Care, un’esperienza di tenerezza

Zucca e il piccolo Oliver (due soggetti dell'allevamento delle Acque Lucenti)

Ricordo tutto molto nitidamente, ogni singolo passaggio della gravidanza di Zucca.

Era marzo del 2015, e più precisamente il 14. Ricordo che attendevo con ansia la telefonata di Elisa, in cui mi raccontava che tutto era andato per il meglio: l’accoppiamento era avvenuto tramite fecondazione assistita, ma ai cani era stato lasciato tutto il tempo di conoscersi ed accettarsi.

La prima ecografia, il 6 aprile: Zucca era incinta. All’epoca le camere gestazionali rilevate, con presenza di battito, erano quattro, forse cinque.
I cuccioli sono nati nella notte tra l’11 e il 12 maggio. Il travaglio è iniziato alle 11:30 del mattino e la prima cucciola, Chiacchierina, è nata alle 1:00 di notte: da lì in poi ne sono nati nove, cinque femmine e quattro maschi.

cuccioli-labrador-retriever
Zucca e i suoi cuccioli a poche ore di vita

Ricordo ancora le conversazioni notturne che ci scambiavamo con Elisa durante il travaglio e poi la corsa a casa sua in piena notte quando Zucca sembrava iniziare “a fare sul serio”. Lei, che all’inizio ci guardava con la sua faccia perplessa quando aspettavamo che iniziasse ad accudire ed allattare i cuccioli; lei, giustamente spaesata e spaventata; lei, che poi è diventata la mamma-cagna più tenera del mondo.

Ma facciamo un passo indietro.
Esistono numerosi studi sul “Tender Loving Care”, non solo del paziente veterinario ospedalizzato, ma anche della cagna in gestazione. Come nelle donne, è stato visto che permettere alla madre di vivere una gravidanza serena, con i giusti stimoli e una corretta alimentazione, favorisce la nascita di individui (cuccioli) più equilibrati e sani. Le attenzioni e le attività vengono rivolte alla mamma da subito, dall’accoppiamento, e alla cucciolata dopo il 21 giorno di gestazione, quando, solitamente, si effettua la prima ecografia morfo-funzionale.

Cuccioli satolli e sereni dopo la pappa
Cuccioli satolli e sereni dopo la pappa

Ovviamente, si parla di un sistema strutturato e complesso di “to do” che andrebbero assolti con tempistiche precise: per noi quel periodo è capitato in un momento convulso dell’anno e non siamo riuscite a fare tutto, ma… abbiamo fatto molto.

Nella tabella, un riassunto di parte delle attività rivolte a Zucca e ai cuccioli, con le tempistiche relative al periodo di gestazione in cui sono state realizzate:

Mese Stimolazione gusto Manipolazioni Stimolazioni uditive
Aprile Yogurt bianco, parmigiano
tacchino, uovo
carne di quaglia, …
Manipolazioni circolari su tutto il corpo,
compresa la pancia
Musica classica
Maggio Fagiolini, carne di manzo
ricotta di mucca, fragole con panna, …
Come sopra, con differenti pressioni Come sopra, con selezione di brani

Ai cuccioli dopo la nascita abbiamo cominciato a proporre nuovamente la musica classica scegliendo tra i brani che aveva ascoltato la mamma. All’inizio non potevamo ottenere altro effetto evidente che non fosse la rilassatezza di Zucca. Fino al 35 giorno di vita nulla di tangibile era cambiato, fino a quando con Elisa non ci siamo accorte che per addormentare l’intera cucciolata bastava mettere della sana musica classica. Cosa che ci hanno confermato anche diverse delle famiglie che hanno adottato uno dei cuccioli ed hanno usato questo metodo per rilassare il nuovo arrivato.

allattamento-cane-cuccioli
Effetto rilassante della musica su mamma Zucca

La cucciolata intera ha sempre risposto molto bene alla contenzione e alla manipolazione da parte nostra e delle persone che hanno visto quando sono cresciuti, hanno sempre avuto una buona attrazione nei confronti delle persone, una sana curiosità verso il mondo, ognuno con le sue personali inclinazioni. Tutti, senza esclusione, prendevano a morsi i miei lacci delle scarpe!

La stimolazione del gusto è stata una prova nata dalla curiosità nel leggere un articolo di medicina veterinaria in cui si parlava di uno studio mirato a riproporre nei cuccioli una sorta di “ricordo sensoriale”. Somministrare alla cagna alimenti noti ed altri mai assaggiati e andare a stimolare il piacere che tale cibo provoca, promuove la liberazione di ormoni ed endorfine che raggiungono anche i feti e favoriscono un clima di serenità e piacere anche su di loro.
Mamma felice per cuccioli felici, insomma.

Io che ho provato in prima persona due gravidanze so bene che il mio essere felice corrispondeva all’essere in movimento dei feti! I miei figli si muovevano in modo differente quando ero particolarmente contenta e ricordo bene come mi sentivo e come li sentivo. Per i cuccioli è stato lo stesso, in base a quanto piaceva l’alimento a Zucca a loro arrivava una cascata di sensazioni differenti. Alla carne di cavallo è stata molto contenta, ma quando sono arrivate le fragole con la panna lo era decisamente di più!

Zucca e la secondogenita "Chiacchierina" (ora, nella sua famiglia, Ciara)
Zucca e la primogenita “Chiacchierina” (ora, nella sua famiglia, Ciara)

Tenerezza, il fil rouge della mia esperienza con Zucca e i cuccioli. Sia in pancia che fuori. Sia con quelli che sono sopravvissuti, sia con le due piccoline, nate premature rispetto ai fratelli, che purtroppo non ce l’hanno fatta. Tenerezza per lo straordinario spettacolo che la vita propone ogni volta che si manifesta ai nostri occhi. Tenerezza e meraviglia.

Abbiamo deciso di fare una prova che ha molto della curiosità e del tentativo, con basi di conoscenza del cane, della sua fisiologia e del comportamento. Non è certo questo uno studio scientifico, ma una bellissima esperienza che comunque qualcosa di concreto ci ha detto.

Sicuramente una cagna equilibrata a cui è stato permesso di sperimentare il suo stato emotivo e fisico, a cui è stato permesso di scegliere l’accoppiamento (e sia stata scelta una determinata genetica anche del maschio), che ha vissuto una gravidanza serena e tranquilla, sottoposta a delle giuste e moderate stimolazioni, partorisce dei cuccioli mediamente sereni ed equilibrati.

Mamma serena per cuccioli sereni
Mamma serena per cuccioli sereni

Sicuramente c’è un “ricordo emotivo” di quello che succede nel liquido amniotico, un circuito che esiste e può essere attivato.

Il benessere della mamma è quello della cucciolata: verissimo, ma non solo nel momento della gestazione.
Una femmina con una buona genetica, guidata nella crescita e portata all’adeguatezza e all’equilibrio, sarà una buona madre, in grado di guidare i cuccioli in quel meraviglioso momento della loro vita che va dalla nascita all’adozione, e permetterà loro di sperimentarsi e sperimentare.

Zucca lo ha fatto: è stata una mamma straordinaria per i suoi cuccioli, li ha amati profondamente, accuditi con amore e, in seguito, si è divertita a giocare con loro. E continua ancora ad esserlo per i due cuccioli che sono rimasti con noi, Blu e Ce’nedra.

Grazie Zucca e grazie cuccioli ormai cresciuti.

Buona vita,
Francesca

[Foto: Elisa Mengozzi]